Deborah

Deborah ha passato tutta la sua vita a guardare il mondo dietro una vetrina cercando di possedere e accumulare il più possibile e a qualsiasi prezzo.
Poi una notte in sogno le appare Fromm e le chiede perchè finora ha perso tempo cercando di avere invece che essere, ammonendola:
“La grande illusione che il progresso industriale e tecnologico illimitato portasse la felicità di tutti, attraverso la soddisfazione di tutti i desideri, e ristabilisse la pace sociale e l’armonia dell’uomo con la natura, è ormai inconstestabilmente fallita. L’uomo contemporaneo è diventato un ingranaggio dell’immensa macchina burocratica, alienato, manipolato dall’industria, dai mass media, dai governi, esposto a pericoli ecologici e al rischio di conflitti nucleari, psicologicamente depresso, isolato, angosciato, preda di impulsi distruttivi”…
Le sue parole la stravolgono, Deborah è scossa. Accende ansimante la luce e dopo una rapida occhiata alla sua collezione di scarpe, afferra dal comodino la sua copia autografata di “Tre metri sopra il cielo”.

Paolo Carol Cristi
Ateo, vegetariano, accarezzatore di gatti, fotografo di bagni pubblici, poeta mai per scelta, psicologo in divenire, a volte cammino. Nel tempo libero intreccio fiori e invio foto oscene.
Chi sono? Contattami
Paolo Carol Cristi on EmailPaolo Carol Cristi on FacebookPaolo Carol Cristi on FlickrPaolo Carol Cristi on GooglePaolo Carol Cristi on InstagramPaolo Carol Cristi on TwitterPaolo Carol Cristi on Youtube

Warning: A non-numeric value encountered in /home/carolcri/public_html/bagnipubblici/wp-content/themes/ionMag/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008