Intervista a Alessandra Clemente, avvocata e consigliera comunale di Napoli

Per Bagni pubblici ho intervistato Alessandra Clemente, avvocata e consigliera comunale di Napoli

Alessandra porta con sé una storia di riscatto e di rivalsa. Lei è la dimostrazione che il male, quello che da bambina le ha portato via sua madre Silvia per un episodio di camorra, può essere sconfitto e deriso ma non con l’odio o con la vendetta personale, ma con la voglia di vita.
E’ vivendo con entusiasmo e impegno che si possono cambiare davvero le cose, solo così possiamo salvare tutte quelle madri innocenti, che sono le nostre madri, e le bambine rimaste senza affetti – e anche quelle vittime del contesto. E’ con la legalità che possiamo creare legami sociali e una società migliore. E’ con la determinazione politica che possiamo evitare quello che è successo ad Alessandra, anche se lei ce l’ha fatta riuscendo a trovare la forza di trasformare la sua rabbia in buona azione. Lei ce l’ha fatta.
Teniamo a mente il suo esempio e la sua storia, affinché la legalità possa vincere sempre.